domenica 10 febbraio 2013


SIMONE PELLEGRINO casalingo-teaser 2013

13 mie NUOVE songs a bassissima fedeltà e fatte in casa, tra il prealpino e la pianura padana. Registrazioni da cucina, tra gli odori di pentole che bollono, il ronzio del frigo indesit dei primi anni 90, le bollete scadute, i piatti ancora da lavare. 
Si ringrazia: le lunghe notti in compagnia delle gocciole, la birra della lidl, il tabacco golden virginia, le ultime "nzidde di caffè rimasto"-rigorosamente Quarta, la tastiera m-audio  e l'innocente e affaticato mac. 
Registrazioni da considerarsi dei promemoria che probabilmente finiranno prima o poi in un ennesimo disco autoprodotto e magari non distribuito. LO-FI non per indole o virtù ma per necessità. 


giovedì 13 dicembre 2012

...era il 2008...
con la musica ho sempre giocato. Non mi sono mai preso sul serio. Si suonava, in salaprove, per poi andare a bere una birra sul tardi, perché è sempre stato bello vedere trascorrere la notte. Eravamo io, Salvatore - batterista pignolo (come tutti i batteristi), e Antonio (bassista) con le sue Diana blu da "smezzare". 
Forse serve un altro blog per descrivere avventure e disavventure vissute con Salvatore; i litigi per un riff o un bit, i viaggi mentali notturni che vedevano spesso l'alba...il lungo, alterato e chiassoso arrivederci e poi il ritrovarsi in una più forte amicizia, quella vera.
Antonio (grandissimo amico) ad un certo punto lasciò spazio ad Alessandro (bassista-ex evagarde). Sandro portò varie novità in sala: il disordine, le birre, la cenere delle camel blu per terra e un quarto elemento dal nome Stefano Leuzzi. Confido che questo Stefano (tastiere ex evagarde) mi stava abbastanza antipatico ai "tempi degli evagarde" (noto gruppo Leccese estintosi nel 2006 +o-). Lo incrociavo nei vari pub durante i live degli evagarde&friends, negli anni bellissimi per il binomio Lecce/Musica; non avevo mai avuto modo di ascoltare la sua voce. Sembrava uno stratega in continua meditazione; accolsi la proposta con le mani in tasta. La cosa strana della vita è questa: è ora uno dei miei più grandi amici e la musica, in questa amicizia, ne è solo una piccola chiosa. 
Entrato in salaprove, stefano, sposò con pochi ascolti i miei brani insistendo con la parola "concretizziamo". Volle a tutti i costi registrare un EP. 3 mesi in salaprove e ci trasferimmo da Nanni Surace (purerock studio-Brindisi). Ecco il lavoro datato novembre 2008. La mia prima esperienza in uno studio professionale. Devo anche a questi amici parte della mia passione per la musica.
Buon ascolto

lunedì 10 dicembre 2012

L'ESPLORATORE ASTRONAUTA

 C'era una volta un esploratore astronauta che con la sua caravella scovò un nuovo mondo.

Era lontano, lontanissimo. Lontano dal sistema solare, lontano dalla via lattea, tra miliardi di stelle; urlava l'esploratore forsennatamente: "Ho disegnato la mappa guardatela.."

Lui imprecava: "sono il colonizzatore, sono io il dio creatore. Non c'è re e non c'è regina. Decido io quando è mattina perchè sono io il dio creatore...."





...DECISE DI SALPARE...
Tra la nebbia lui ricorda quei visi sconcertati che ridevano della sua pazzia mentre lui gridava: "VADO VIA, NON C'è NULLA CHE MI FRENA"... - e le unghie sulla schiena lo rapirono dentro grigie mura, senza la sua navicella che potesse farlo volare via...
... dal suo colorato mondo senza farmaci neurolettici, senza i muri e i pugni duri... 
"SIETE TUTTI MIEI BENVENUTI" ...
s.P.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::